Cresce l’appeal dell’Italia verso i mercati internazionali

Aumentano fatturato e occupazione e ripartono gli investimenti

Nel 2017 l’offerta turistica italiana recupera diverse posizioni nel ranking mondiale anche grazie alla crescita del turismo internazionale. La crescita degli arrivi turistici internazionali coinvolge tutte le destinazioni e, quindi, anche l’Italia che si posiziona al sesto posto per numero di notti trascorse in strutture ricettive e al quinto posto nella graduatoria dei movimenti con 52,5 milioni di arrivi.
Ma il 2017 è stato anche l’anno degli investimenti: il 59,1% delle imprese ricettive ha investito, prevalentemente, in ambito strutturale e tecnologico (65,2% degli hotel e 56% delle imprese ricettive extralberghiere).

SCARICA L'INFOGRAFICA

Dicembre, 2017

SOMMARIO

    Lo scenario globale del settore
    1. La crescita mondiale dei movimenti turistici internazionali nel mondo
    1.1. L’Europa un continente-destinazione in costante crescita
    1.2. Il turismo internazionale cresce costantemente in Italia
    2. Il peso del settore turistico tra le attività economiche
    2.1. L’Italia nel contesto internazionale resta tra i Paesi leader
    2.2. Un’analisi dell’ultimo ventennio della spesa dei turisti internazionali in Italia
    2.3. I viaggiatori stranieri in Italia – quanti e chi sono
    2.4. I viaggiatori italiani all’estero
    2.5. Le caratteristiche del turismo in Italia – anche alternativo
    3. La notorietà dell’Italia all’estero – una certezza su cui contare
    4. Il mercato del lavoro nel turismo in Italia
    5. Le reattive performances di mercato delle imprese ricettive italiane

Cresce anche l’occupazione: il numero degli addetti delle imprese ha segnato un aumento più deciso del 2016, indicato dal 18,4% delle imprese alberghiere e dal 14,1% di quelle extralberghiere.
Nel complesso, anche, il fatturato ha registrato un aumento nelle imprese alberghiere +3,1% ma una diminuzione tra quelle extralberghiere (-4%).

SELEZIONA UN ANNO

METODOLOGIA

  • le rilevazioni sono effettuate periodicamente nel corso dell’anno
  • il campione degli intervistati, per la domanda e per l’offerta, è altamente  rappresentativo
  • il campione della domanda è composto da turisti – italiani e stranieri – che abbiano soggiornato almeno una notte in strutture ricettive e in abitazioni private nel territorio regionale interessato dall’intervista
  • il campione dell’offerta è composto da imprese ricettive italiane, alberghiere ed extralberghiere
  • il campionamento è stratificato, con l’assegnazione di un’ampiezza campionaria predefinita per ciascuna delle 20 regioni italiane, basata sugli arrivi, le presenze e la capacità ricettiva nelle località di maggior interesse turistico.

“L’Osservazione economica del Turismo di Isnart-Unioncamere è l’unica indagine che inserisce i turisti che alloggiano nelle abitazioni private all’interno del campione intervistato.

  • Per l’analisi dei dati raccolti il campione viene riportato all’universo di riferimento attraverso un sistema di pesi
  • Le domande rivolte alla domanda turistica mirano a rilevare le caratteristiche strutturali del turista, i comportamenti turistici e l’importo della spesa individuale per circa 20 voci di spesa direttamente turistica (viaggio, alloggio) e indirettamente turistica (v. trasporti, parcheggi; ristorazione e intrattenimento, abbigliamento, acquisti agroalimentari, musei e mostre, ecc.), le domanda rivolte all’offerta ricettiva mirano a rilevare le percentuali di occupazione delle camere nelle strutture ricettive, la composizione della clientela e le strategie di vendita operate.
Leggi tutto Riduci

DESIDERI RICEVERE
IL REPORT COMPLETO?

Chiedi ai nostri esperti

    I campi contrassegnati da un asterisco sono obbligatori

    Ho letto l’informativa sulla privacy